Ghigo Roli fotografo


Il Garofalo

Opere di Benvenuto Tisi detto il Garofalo, pittore veneto del Tardo Rinascimento molto attivo in Emilia su incarichi del Duca Alfonso d’Este: gli affreschi profani di Palazzo Costabili a Ferrara e della Delizia di Belriguardo a Voghiera.

21474_1423.jpg
"Uccisione di Galata", di Benvenuto Tisi detto il Garofalo. Si tratta di una targa di torneo cinquecentesca applicata su uno scudo.

"Uccisione di Galata", di Benvenuto Tisi detto il Garofalo....

21205_0216.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0215.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0214.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0213.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0212.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0211.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0210.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0209.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0208.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0207.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0206.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0205.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0204.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0203.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0202.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0201.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0200.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0199.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0198.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare di una delle lunette nelle quali è illustrato il mito di Eros e Anteros, opera letteraria dell’umanista Celio Calcagnini, stretto amico del Costabili e da lui stesso scelto per ispirare il Garofalo e i suoi collaboratori.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0197_1.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con giovane donna dall'abito giallo  e fiori.Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0196.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con donna.Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0195.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con donna e bimbo.Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0194.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con donna e bimbo.Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0193.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con donna e bimbo.Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0192.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con giovane donna dall'abito giallo e fanciullo con arpicordo.Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0191.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con giovane donna dall'abito giallo e fanciullo con arpicordo.Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0190.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con gentiluomini e gentildonne, e alberi da frutto.Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0189.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con gentiluomini e gentildonne, e alberi da frutto.Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0188.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con gentiluomini e gentildonne, e alberi da frutto.Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0187.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con gatto, strumento musicale e grande varietà di abiti. I turbanti caratterizzano personaggi di provenienza orientale che erano presenti anche alla corte estense. Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0186.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con gentiluomo con strumento musicale e dama.Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0184.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con gentiluomo con strumento musicale e dama.Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0183.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con gentiluomo con strumento musicale e dama.Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0182.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con gatto, strumento musicale e grande varietà di abiti. I turbanti caratterizzano personaggi di provenienza orientale che erano presenti anche alla corte estense. Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0181.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con gatto, strumento musicale e grande varietà di abiti. I turbanti caratterizzano personaggi di provenienza orientale che erano presenti anche alla corte estense. Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0180.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con due giovani bellissime dame (la maggiore tiene in mano un liuto).Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0179.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con due giovani bellissime dame (la maggiore tiene in mano un liuto).Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0178.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con due giovani bellissime dame (la maggiore tiene in mano un liuto).Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0178_1.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con due giovani bellissime dame (la maggiore tiene in mano un liuto).Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0177.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con  bimbo e uno scimmiotto, tralci di vite e giovane con manto e berretto vermigli.Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0176.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con giovani dame, bimbo con al guinzaglio uno scimmiotto, tralci di vite e giovane con manto e berretto vermigli.Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0175.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta, affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo: particolare con giovani dame, bimbo con al guinzaglio uno scimmiotto, tralci di vite e giovane con manto e berretto vermigli.Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0174.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta: affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo.Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

21205_0172.jpg
Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale o di Spina), Aula Costabiliana o Sala del Tesoro, volta: affreschi cinquecenteschi  di Benvenuto Tisi, detto il Garofalo.Lungo i lati del soffitto un’ampia balconata da cui pendono tappeti orientali: una galleria di personaggi, molti dei quali con strumenti musicali, affacciati in maniera disinvolta a testimoniare con garbo e misura il loro amore per l’arte, la musica e la poesia. In una suggestiva scenografia, oltre la balconata si apre un cielo turchino, su cui è strutturato un gazebo con rami carichi di frutta e tralci sospesi, annodati alla balaustra. La sala è un hortus conclusus, un giardino segreto voluto dal padrone di casa per i suoi importanti ospiti. Al centro dell’apertura illusionistica sono un fastoso rosone in legno intagliato e dorato e una finta architettura che funge da copertura e al tempo stesso da decorazione. Tutt’intorno corre un fregio a grottesche entro cui compaiono medaglioni con scene mitologiche e storie dell’antica Roma.

Ferrara, Palazzo Costabili o Palazzo di Ludovico il Moro (og...

20202_219.jpg
Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose residenze, (chiamate delizie) degli Este, Sala delle Vigne: particolare del ciclo di affreschi ,  opera di Girolamo da Carpi, con aiuti di Dosso Dossi e Benvenuto Tisi da Garofalo, 1537. Particolare della decorazione con cariatidi.

Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose r...

20202_218.jpg
Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose residenze, (chiamate delizie) degli Este, Sala delle Vigne: particolare del ciclo di affreschi ,  opera di Girolamo da Carpi, con aiuti di Dosso Dossi e Benvenuto Tisi da Garofalo, 1537. Particolare della decorazione con cariatidi.

Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose r...

20202_217.jpg
Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose residenze, (chiamate delizie) degli Este, Sala delle Vigne: particolare del ciclo di affreschi ,  opera di Girolamo da Carpi, con aiuti di Dosso Dossi e Benvenuto Tisi da Garofalo, 1537. Particolare della decorazione con cariatidi.

Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose r...

20202_216.jpg
Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose residenze, (chiamate delizie) degli Este, Sala delle Vigne: particolare del ciclo di affreschi ,  opera di Girolamo da Carpi, con aiuti di Dosso Dossi e Benvenuto Tisi da Garofalo, 1537. I soggetti delle decorazioni sono tralci di vite, grappoli d'uva e cariatidi.

Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose r...

20202_215.jpg
Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose residenze, (chiamate delizie) degli Este, Sala delle Vigne: particolare del ciclo di affreschi ,  opera di Girolamo da Carpi, con aiuti di Dosso Dossi e Benvenuto Tisi da Garofalo, 1537. I soggetti delle decorazioni sono tralci di vite, grappoli d'uva e cariatidi.

Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose r...

20202_214.jpg
Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose residenze, (chiamate delizie) degli Este, Sala delle Vigne: particolare del ciclo di affreschi ,  opera di Girolamo da Carpi, con aiuti di Dosso Dossi e Benvenuto Tisi da Garofalo, 1537. Particolare della decorazione con tralci di vite e grappoli d'uva.

Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose r...

20202_213.jpg
Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose residenze, (chiamate delizie) degli Este, Sala delle Vigne: particolare del ciclo di affreschi ,  opera di Girolamo da Carpi, con aiuti di Dosso Dossi e Benvenuto Tisi da Garofalo, 1537. Particolare della decorazione con cariatidi.

Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose r...

20202_210.jpg
Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose residenze, (chiamate delizie) degli Este, Sala delle Vigne: particolare del ciclo di affreschi ,  opera di Girolamo da Carpi, con aiuti di Dosso Dossi e Benvenuto Tisi da Garofalo, 1537. Particolare della decorazione con cariatidi.

Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose r...

20202_207.jpg
Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose residenze, (chiamate delizie) degli Este, Sala delle Vigne: particolare del ciclo di affreschi ,  opera di Girolamo da Carpi, con aiuti di Dosso Dossi e Benvenuto Tisi da Garofalo, 1537. I soggetti delle decorazioni sono tralci di vite, grappoli d'uva e cariatidi.

Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose r...

20202_205.jpg
Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose residenze, (chiamate delizie) degli Este, Sala delle Vigne: particolare del ciclo di affreschi ,  opera di Girolamo da Carpi, con aiuti di Dosso Dossi e Benvenuto Tisi da Garofalo, 1537. Particolare della decorazione con cariatidi.

Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose r...

20202_203.jpg
Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose residenze, (chiamate delizie) degli Este, Sala delle Vigne: particolare del ciclo di affreschi ,  opera di Girolamo da Carpi, con aiuti di Dosso Dossi e Benvenuto Tisi da Garofalo, 1537. I soggetti delle decorazioni sono tralci di vite, grappoli d'uva e cariatidi.

Voghiera, Delizia di Belriguardo, una delle 19 prestigiose r...