Ghigo Roli fotografo


Motociclette d'epoca

Oltre 100 Motociclette d'epoca tra quelle che hanno fatto la storia del motociclismo dalle origini agli anni '50.

20288_1289.jpg
Moto d'epoca Bianchi Freccia Azzurra 500 Corsa. Marchio.Marca: Bianchimodello: Freccia Azzurra 500 Corsanazione: Italia - Milanoanno: 1939condizioni: restauratacilindrata: 496 (alesaggio e corsa 82 x 94)motore: monocilindrico a quattro tempicambio: separato a quattro rapportiEdoardo Bianchi, classe 1865, orfano cresciuto dai "Martinitt" a Milano, fece tutte le tappe, nessuna esclusa, dal garzone apprendista fino al costruttore di automobili prestigiose. Costruì biciclette, tricicli a motore De Dion Bouton, introdusse in Italia le gomme pneumatiche inventate dalla Dunlop, costruì biciclette a motore e infine moto tra le più belle della produzione italiana. Il nome della Bianchi è legato per sempre alla gloriosa stagione agonistica degli anni '20, quando le sue motociclette lasciavano pochissimo spazio ai competitori. Le guidavano piloti come Alberto Ascari, Achille Varzi e Tazio Nuvolari. La Freccia Azzurra fu un progetto del geniale Mario Baldi e introdusse per prima la distribuzione bialbero in testa su una moto da corsa. L'esemplare riprodotto in queste pagine fu costruito solo in tre unità. Su uno di questi corse Alberto Ascari.

Moto d'epoca Bianchi Freccia Azzurra 500 Corsa. Marchio.Marc...

20288_1285.jpg
Moto d'epoca Bianchi Freccia Azzurra 500 Corsa.Marca: Bianchimodello: Freccia Azzurra 500 Corsanazione: Italia - Milanoanno: 1939condizioni: restauratacilindrata: 496 (alesaggio e corsa 82 x 94)motore: monocilindrico a quattro tempicambio: separato a quattro rapportiEdoardo Bianchi, classe 1865, orfano cresciuto dai "Martinitt" a Milano, fece tutte le tappe, nessuna esclusa, dal garzone apprendista fino al costruttore di automobili prestigiose. Costruì biciclette, tricicli a motore De Dion Bouton, introdusse in Italia le gomme pneumatiche inventate dalla Dunlop, costruì biciclette a motore e infine moto tra le più belle della produzione italiana. Il nome della Bianchi è legato per sempre alla gloriosa stagione agonistica degli anni '20, quando le sue motociclette lasciavano pochissimo spazio ai competitori. Le guidavano piloti come Alberto Ascari, Achille Varzi e Tazio Nuvolari. La Freccia Azzurra fu un progetto del geniale Mario Baldi e introdusse per prima la distribuzione bialbero in testa su una moto da corsa. L'esemplare riprodotto in queste pagine fu costruito solo in tre unità. Su uno di questi corse Alberto Ascari.

Moto d'epoca Bianchi Freccia Azzurra 500 Corsa.Marca: Bianch...

20288_1280.jpg
Moto d'epoca Garelli Cremona Corsa. Motore.Marca: Garellimodello: Cremona (Corsa)nazione: Italia - Sesto San Giovannianno: 1924condizioni: restauratacilindrata: 350 (alesaggio e corsa 52 x 82 x 2)motore: due tempi a cilindro sdoppiato in unico bloccocambio: a due velocità con selettore sul serbatoioLa Garelli esce nel '24 con questa moto di serie, praticamente identica al modello che nei due anni precedenti era stata tra le moto più vittoriose di sempre, polverizzando ben 76 record del mondo in un'unica stagione; molti di questi record, tra l'altro, validi anche per la classe 500.

Moto d'epoca Garelli Cremona Corsa. Motore.Marca: Garellimod...

20288_1271.jpg
Moto d'epoca Garelli Cremona Corsa. Marca: Garellimodello: Cremona (Corsa)nazione: Italia - Sesto San Giovannianno: 1924condizioni: restauratacilindrata: 350 (alesaggio e corsa 52 x 82 x 2)motore: due tempi a cilindro sdoppiato in unico bloccocambio: a due velocità con selettore sul serbatoioLa Garelli esce nel '24 con questa moto di serie, praticamente identica al modello che nei due anni precedenti era stata tra le moto più vittoriose di sempre, polverizzando ben 76 record del mondo in un'unica stagione; molti di questi record, tra l'altro, validi anche per la classe 500.

Moto d'epoca Garelli Cremona Corsa. Marca: Garellimodello: C...

20288_1255.jpg
Moto d'epoca Garelli Cremona Corsa. Marca: Garellimodello: Cremona (Corsa)nazione: Italia - Sesto San Giovannianno: 1924condizioni: restauratacilindrata: 350 (alesaggio e corsa 52 x 82 x 2)motore: due tempi a cilindro sdoppiato in unico bloccocambio: a due velocità con selettore sul serbatoioLa Garelli esce nel '24 con questa moto di serie, praticamente identica al modello che nei due anni precedenti era stata tra le moto più vittoriose di sempre, polverizzando ben 76 record del mondo in un'unica stagione; molti di questi record, tra l'altro, validi anche per la classe 500.

Moto d'epoca Garelli Cremona Corsa. Marca: Garellimodello: C...

20288_1252.jpg
Moto d'epoca Garelli Cremona Corsa. Marchio.Marca: Garellimodello: Cremona (Corsa)nazione: Italia - Sesto San Giovannianno: 1924condizioni: restauratacilindrata: 350 (alesaggio e corsa 52 x 82 x 2)motore: due tempi a cilindro sdoppiato in unico bloccocambio: a due velocità con selettore sul serbatoioLa Garelli esce nel '24 con questa moto di serie, praticamente identica al modello che nei due anni precedenti era stata tra le moto più vittoriose di sempre, polverizzando ben 76 record del mondo in un'unica stagione; molti di questi record, tra l'altro, validi anche per la classe 500.

Moto d'epoca Garelli Cremona Corsa. Marchio.Marca: Garellimo...

20288_1246.jpg
Moto d'epoca Clément, deux cylindres 3 Hp. Motore.Marca: Clément (Motosacoche)modello: deux cylindres 3 Hpnazione: Francia - Levallois-Perretanno: 1912 - 13condizioni: restauratacilindrata: 320 cc.motore: Clédiaber "L" bicilindrico a V di 45° a valvole laterali cambio:a due marce con comando a mano al serbatoiotrasmissione finale a catenaGustave Adolphe Clément fonda già nel 1878 una società per la produzione di biciclette. Nel 1891 comincia a fare fortuna commercializzando in Francia su licenza Dunlop una assoluta novità, le gomme pneumatiche. Associatosi nel 1896 con Gladiator comincia a costruire tricicli con motore De Dion-Bouton. Nel 1902 una bicilindrica firmata Clément vince la prima corsa in salita del Mont Ventoux. Nel 1904 scioglie questa società e forma la Clément-Bayard, con la quale produrrà anche automobili esportate in inghilterra col marchio Clément-Talbot. La motocicletta presentata in queste pagine, e commercializzata in Francia da Clément, fu in realtà prodotta a Ginevra dalla Motosacoche, con pochissime varianti rispetto al modello originale in catalogo.

Moto d'epoca Clément, deux cylindres 3 Hp. Motore.Marca: Clé...

20288_1236.jpg
Moto d'epoca Clément, deux cylindres 3 Hp, Marca: Clément (Motosacoche)modello: deux cylindres 3 Hpnazione: Francia - Levallois-Perretanno: 1912 - 13condizioni: restauratacilindrata: 320 cc.motore: Clédiaber "L" bicilindrico a V di 45° a valvole laterali cambio:a due marce con comando a mano al serbatoiotrasmissione finale a catenaGustave Adolphe Clément fonda già nel 1878 una società per la produzione di biciclette. Nel 1891 comincia a fare fortuna commercializzando in Francia su licenza Dunlop una assoluta novità, le gomme pneumatiche. Associatosi nel 1896 con Gladiator comincia a costruire tricicli con motore De Dion-Bouton. Nel 1902 una bicilindrica firmata Clément vince la prima corsa in salita del Mont Ventoux. Nel 1904 scioglie questa società e forma la Clément-Bayard, con la quale produrrà anche automobili esportate in inghilterra col marchio Clément-Talbot. La motocicletta presentata in queste pagine, e commercializzata in Francia da Clément, fu in realtà prodotta a Ginevra dalla Motosacoche, con pochissime varianti rispetto al modello originale in catalogo.

Moto d'epoca Clément, deux cylindres 3 Hp, Marca: Clément (M...

20288_1229.jpg
Moto d'epoca Clément, deux cylindres 3 Hp, Marca: Clément (Motosacoche)modello: deux cylindres 3 Hpnazione: Francia - Levallois-Perretanno: 1912 - 13condizioni: restauratacilindrata: 320 cc.motore: Clédiaber "L" bicilindrico a V di 45° a valvole laterali cambio:a due marce con comando a mano al serbatoiotrasmissione finale a catenaGustave Adolphe Clément fonda già nel 1878 una società per la produzione di biciclette. Nel 1891 comincia a fare fortuna commercializzando in Francia su licenza Dunlop una assoluta novità, le gomme pneumatiche. Associatosi nel 1896 con Gladiator comincia a costruire tricicli con motore De Dion-Bouton. Nel 1902 una bicilindrica firmata Clément vince la prima corsa in salita del Mont Ventoux. Nel 1904 scioglie questa società e forma la Clément-Bayard, con la quale produrrà anche automobili esportate in inghilterra col marchio Clément-Talbot. La motocicletta presentata in queste pagine, e commercializzata in Francia da Clément, fu in realtà prodotta a Ginevra dalla Motosacoche, con pochissime varianti rispetto al modello originale in catalogo.

Moto d'epoca Clément, deux cylindres 3 Hp, Marca: Clément (M...

20288_1227.jpg
Moto d'epoca Clément, deux cylindres 3 Hp. Motore.Marca: Clément (Motosacoche)modello: deux cylindres 3 Hpnazione: Francia - Levallois-Perretanno: 1912 - 13condizioni: restauratacilindrata: 320 cc.motore: Clédiaber "L" bicilindrico a V di 45° a valvole laterali cambio:a due marce con comando a mano al serbatoiotrasmissione finale a catenaGustave Adolphe Clément fonda già nel 1878 una società per la produzione di biciclette. Nel 1891 comincia a fare fortuna commercializzando in Francia su licenza Dunlop una assoluta novità, le gomme pneumatiche. Associatosi nel 1896 con Gladiator comincia a costruire tricicli con motore De Dion-Bouton. Nel 1902 una bicilindrica firmata Clément vince la prima corsa in salita del Mont Ventoux. Nel 1904 scioglie questa società e forma la Clément-Bayard, con la quale produrrà anche automobili esportate in inghilterra col marchio Clément-Talbot. La motocicletta presentata in queste pagine, e commercializzata in Francia da Clément, fu in realtà prodotta a Ginevra dalla Motosacoche, con pochissime varianti rispetto al modello originale in catalogo.

Moto d'epoca Clément, deux cylindres 3 Hp. Motore.Marca: Clé...

20288_1224.jpg
Moto d'epoca Clément, deux cylindres 3 Hp, Marchio.Marca: Clément (Motosacoche)modello: deux cylindres 3 Hpnazione: Francia - Levallois-Perretanno: 1912 - 13condizioni: restauratacilindrata: 320 cc.motore: Clédiaber "L" bicilindrico a V di 45° a valvole laterali cambio:a due marce con comando a mano al serbatoiotrasmissione finale a catenaGustave Adolphe Clément fonda già nel 1878 una società per la produzione di biciclette. Nel 1891 comincia a fare fortuna commercializzando in Francia su licenza Dunlop una assoluta novità, le gomme pneumatiche. Associatosi nel 1896 con Gladiator comincia a costruire tricicli con motore De Dion-Bouton. Nel 1902 una bicilindrica firmata Clément vince la prima corsa in salita del Mont Ventoux. Nel 1904 scioglie questa società e forma la Clément-Bayard, con la quale produrrà anche automobili esportate in inghilterra col marchio Clément-Talbot. La motocicletta presentata in queste pagine, e commercializzata in Francia da Clément, fu in realtà prodotta a Ginevra dalla Motosacoche, con pochissime varianti rispetto al modello originale in catalogo.

Moto d'epoca Clément, deux cylindres 3 Hp, Marchio.Marca: Cl...

20288_1207.jpg
Moto d'epoca Mayor. Marca: Mayornazione: Italia - Torinoanno: 1947condizioni: conservatacilindrata: 349,3 cc. (alesaggio e corsa 76 x 77)motore: monocilindrico verticale a valvole in testacambio: in blocco a quattro rapporti con comando a pedalee trasmissione finale ad alberoSi deve a Salvatore Maiorca, (da cui anche il nome della moto) brillante ingegnere assai noto a Torino, uno dei progetti più avveniristici di tutta la storia della motocicletta. La Mayor, di cui sopravvive questo unico prototipo, costruito nelle officine Aeritalia del gruppo Fiat e pensato probabilmente per la polizia municipale. Ha carrozzeria portante e avvolgente che integra faro e parafanghi, sterzo indiretto, motore di derivazione aeronautica raffreddato ad aria forzata, albero motore longitudinale che si prolunga nel cambio in blocco e nella trasmissione ad albero. Ma la caratteristica più innovativa per cui la Mayor sarà ricordata, anche se non ebbe seguito, sono le ruote elastiche: un disco d'acciaio unisce per mezzo di tamponi in gomma il cerchio esterno al mozzo interno garantendo, almeno in teoria, il molleggio della moto senza bisogno di altre sospensioni.

Moto d'epoca Mayor. Marca: Mayornazione: Italia - Torinoanno...

20288_1175.jpg
Moto d'epoca Mayor. Marca: Mayornazione: Italia - Torinoanno: 1947condizioni: conservatacilindrata: 349,3 cc. (alesaggio e corsa 76 x 77)motore: monocilindrico verticale a valvole in testacambio: in blocco a quattro rapporti con comando a pedalee trasmissione finale ad alberoSi deve a Salvatore Maiorca, (da cui anche il nome della moto) brillante ingegnere assai noto a Torino, uno dei progetti più avveniristici di tutta la storia della motocicletta. La Mayor, di cui sopravvive questo unico prototipo, costruito nelle officine Aeritalia del gruppo Fiat e pensato probabilmente per la polizia municipale. Ha carrozzeria portante e avvolgente che integra faro e parafanghi, sterzo indiretto, motore di derivazione aeronautica raffreddato ad aria forzata, albero motore longitudinale che si prolunga nel cambio in blocco e nella trasmissione ad albero. Ma la caratteristica più innovativa per cui la Mayor sarà ricordata, anche se non ebbe seguito, sono le ruote elastiche: un disco d'acciaio unisce per mezzo di tamponi in gomma il cerchio esterno al mozzo interno garantendo, almeno in teoria, il molleggio della moto senza bisogno di altre sospensioni.

Moto d'epoca Mayor. Marca: Mayornazione: Italia - Torinoanno...

20288_1163.jpg
Moto d'epoca Mayor. Marca: Mayornazione: Italia - Torinoanno: 1947condizioni: conservatacilindrata: 349,3 cc. (alesaggio e corsa 76 x 77)motore: monocilindrico verticale a valvole in testacambio: in blocco a quattro rapporti con comando a pedalee trasmissione finale ad alberoSi deve a Salvatore Maiorca, (da cui anche il nome della moto) brillante ingegnere assai noto a Torino, uno dei progetti più avveniristici di tutta la storia della motocicletta. La Mayor, di cui sopravvive questo unico prototipo, costruito nelle officine Aeritalia del gruppo Fiat e pensato probabilmente per la polizia municipale. Ha carrozzeria portante e avvolgente che integra faro e parafanghi, sterzo indiretto, motore di derivazione aeronautica raffreddato ad aria forzata, albero motore longitudinale che si prolunga nel cambio in blocco e nella trasmissione ad albero. Ma la caratteristica più innovativa per cui la Mayor sarà ricordata, anche se non ebbe seguito, sono le ruote elastiche: un disco d'acciaio unisce per mezzo di tamponi in gomma il cerchio esterno al mozzo interno garantendo, almeno in teoria, il molleggio della moto senza bisogno di altre sospensioni.

Moto d'epoca Mayor. Marca: Mayornazione: Italia - Torinoanno...

20288_1162.jpg
Moto d'epoca Mayor. Marchio.Marca: Mayornazione: Italia - Torinoanno: 1947condizioni: conservatacilindrata: 349,3 cc. (alesaggio e corsa 76 x 77)motore: monocilindrico verticale a valvole in testacambio: in blocco a quattro rapporti con comando a pedalee trasmissione finale ad alberoSi deve a Salvatore Maiorca, (da cui anche il nome della moto) brillante ingegnere assai noto a Torino, uno dei progetti più avveniristici di tutta la storia della motocicletta. La Mayor, di cui sopravvive questo unico prototipo, costruito nelle officine Aeritalia del gruppo Fiat e pensato probabilmente per la polizia municipale. Ha carrozzeria portante e avvolgente che integra faro e parafanghi, sterzo indiretto, motore di derivazione aeronautica raffreddato ad aria forzata, albero motore longitudinale che si prolunga nel cambio in blocco e nella trasmissione ad albero. Ma la caratteristica più innovativa per cui la Mayor sarà ricordata, anche se non ebbe seguito, sono le ruote elastiche: un disco d'acciaio unisce per mezzo di tamponi in gomma il cerchio esterno al mozzo interno garantendo, almeno in teoria, il molleggio della moto senza bisogno di altre sospensioni.

Moto d'epoca Mayor. Marchio.Marca: Mayornazione: Italia - To...

20288_1156.jpg
Moto d'epoca Matchless, 700 V Twin. Marca: Matchless / Collier & Sonsmodello: 700 V Twinnazione: Regno Unito - Plumstead   (Londra)anno: 1912condizioni: restauratacilindrata: 680 cc. (alesaggio e corsa 70x88)motore: JAP bicilindrico a V di 50° a valvole in testacambio: variatore graduale a puleggia          e trasmissione a cinghiaH.H. Collier, crea la sua prima moto Matchless nel 1889, dando inizio auna delle più antiche marche britanniche. Lo seguono nell'impresa i figli che sono anche piloti: Charlie, che vince il primo Tourist Trophy della storia nel 1907,  Harry vince nel 1909 e di nuovo trionfa Charlie nel 1910. La Matchless produsse numerosi modelli fino al 1960.

Moto d'epoca Matchless, 700 V Twin. Marca: Matchless / Colli...

20288_1134.jpg
Moto d'epoca Matchless, 700 V Twin. Marca: Matchless / Collier & Sonsmodello: 700 V Twinnazione: Regno Unito - Plumstead   (Londra)anno: 1912condizioni: restauratacilindrata: 680 cc. (alesaggio e corsa 70x88)motore: JAP bicilindrico a V di 50° a valvole in testacambio: variatore graduale a puleggia          e trasmissione a cinghiaH.H. Collier, crea la sua prima moto Matchless nel 1889, dando inizio auna delle più antiche marche britanniche. Lo seguono nell'impresa i figli che sono anche piloti: Charlie, che vince il primo Tourist Trophy della storia nel 1907,  Harry vince nel 1909 e di nuovo trionfa Charlie nel 1910. La Matchless produsse numerosi modelli fino al 1960.

Moto d'epoca Matchless, 700 V Twin. Marca: Matchless / Colli...

20288_1130.jpg
Moto d'epoca Matchless, 700 V Twin. Marca: Matchless / Collier & Sonsmodello: 700 V Twinnazione: Regno Unito - Plumstead   (Londra)anno: 1912condizioni: restauratacilindrata: 680 cc. (alesaggio e corsa 70x88)motore: JAP bicilindrico a V di 50° a valvole in testacambio: variatore graduale a puleggia          e trasmissione a cinghiaH.H. Collier, crea la sua prima moto Matchless nel 1889, dando inizio auna delle più antiche marche britanniche. Lo seguono nell'impresa i figli che sono anche piloti: Charlie, che vince il primo Tourist Trophy della storia nel 1907,  Harry vince nel 1909 e di nuovo trionfa Charlie nel 1910. La Matchless produsse numerosi modelli fino al 1960.

Moto d'epoca Matchless, 700 V Twin. Marca: Matchless / Colli...

20288_1123.jpg
Moto d'epoca Matchless, 700 V Twin. Marchio.Marca: Matchless / Collier & Sonsmodello: 700 V Twinnazione: Regno Unito - Plumstead   (Londra)anno: 1912condizioni: restauratacilindrata: 680 cc. (alesaggio e corsa 70x88)motore: JAP bicilindrico a V di 50° a valvole in testacambio: variatore graduale a puleggia          e trasmissione a cinghiaH.H. Collier, crea la sua prima moto Matchless nel 1889, dando inizio auna delle più antiche marche britanniche. Lo seguono nell'impresa i figli che sono anche piloti: Charlie, che vince il primo Tourist Trophy della storia nel 1907,  Harry vince nel 1909 e di nuovo trionfa Charlie nel 1910. La Matchless produsse numerosi modelli fino al 1960.

Moto d'epoca Matchless, 700 V Twin. Marchio.Marca: Matchless...